Progetto PRESA

La realizzazione di protesi ortopediche ha da sempre potuto disporre di tecnologie ogni volta più performanti migrandole da altri settori come ad esempio quello automobilistico e aerospaziale caratterizzati da elevati investimenti nella ricerca. Questo ha consentito di disporre di materiali e metodologie in grado di fornire alle protesi una maggiore capacità di integrarsi alle esigenze del paziente e consentendo di avvicinare alla mentalità industriale quei processi produttivi, che, per loro naturale interazione con il “sistema paziente”, necessitano di un grossa componente di manualità e di esperienza, difficilmente capitalizzabili all’interno dell’azienda. L’introduzione di tecnologie innovative costituisce certamente una grossa opportunità ai fini del raggiungimento di una maggiore produttività, di una riduzione dei costi e di una più razionale gestione del sistema produttivo in quanto consente di rendere il processo di produzione della protesi più “automatico” mediante l’utilizzo di procedure standardizzate, nonché meno vincolate alle capacità manuali dell’operatore. Da qui la necessità di utilizzare tecnologie d’avanguardia per una riduzione dei tempi di realizzazione delle protesi e quindi di attesa del paziente. Per le peculiarità insite in ogni singola protesi, l’utilizzo di tali tecnologie sembrerebbe quindi avere potenzialmente, un impatto estremamente positivo. Scopo di questo studio è valutare la sua entità in un’ottica di tipo industriale sia dal punto di vista tecnico che da quello economico al fine di ottimizzare le risorse disponibili nel pieno rispetto del benessere psicofisico del paziente.

Prototipazione Rapida e Reverse Engineering nello Sviluppo e Produzione di Protesi per Arto Superiore

PROTOLAB-26

Translate »